Richieste ingresso in carcere

NATURAE / limitazioni pubblico post Covid-19

LOTTERIA DI SOLIDARIETA’ PER ASSISTERE ALLO SPETTACOLO IN CARCERE DELLA COMPAGNIA DELLA FORTEZZA, A SOSTEGNO DELLA CULTURA E DEGLI SCAVI DELL’ANFITEATRO ROMANO DI VOLTERRA.

La storia della Compagnia della Fortezza è una storia fatta di impossibilità, continuamente superate. L’Impossibile, per noi, ha sempre rappresentato una straordinaria opportunità per dimostrare come, invece, esso fosse una luce al cui raggiungimento ambire per la costruzione di un Uomo nuovo, auspicabilmente migliore di quello che la Storia ha voluto consegnarci.
E per questo 2020 la storia ha voluto metterci davanti ad una sfida enorme, quella dell’epidemia mondiale di Covid-19. Una situazione inattesa, senza dubbio, che ha colto tutti di sorpresa, impreparati, spesso incapaci di tenere testa a un qualcosa più grande dell’immaginabile.
La Compagnia della Fortezza, ancora una volta, è riuscita a cogliere nello scenario drammatico uno squarcio attraverso il quale poter dare forma a quello che prima era impensabile. Invece che abbandonare il campo, ovvero il nostro Teatro Renzo Graziani all’interno del carcere di Volterra, il lockdown ci ha dato modo di inventare nuove forme e modi per continuare a lavorare attorno al progetto Naturae, mantenendo intatto il rapporto tra tutti i componenti di quella casa accogliente che è la Compagnia della Fortezza. Nessuno è stato tagliato fuori, grazie anche alla lungimirante e generosa disponibilità della direzione del carcere (ovviamente restando nei parametri di quanto ammesso dalle nuove disposizioni del DAP), assieme alla quale, quotidianamente, sono state studiate soluzioni che permettessero di non abbandonare il presidio cultural-teatrale che è il pane quotidiano per tanti dei nostri attori reclusi.
L’idea di rilanciare è insita nella natura della Fortezza. Quando tutto induceva a considerare più logico e più semplice fermarsi ad aspettare tempi migliori, per noi non c’è stato alcun dubbio: la nostra filosofia, la nostra visione di vita non prevede arrendevolezza, silenzio, pause. Andare in scena, come da più di trent’anni a questa parte, non poteva essere “una” opzione: era “l'” opzione, l’unica ammissibile.
Non possiamo fare finta di nulla: le limitazioni, le prescrizioni, le misure contro il contagio valgono anche e soprattutto anche per la “bolla” che è il carcere. Quest’anno non sarà possibile accogliere i grandi numeri a cui siamo, e siete, da sempre abituati. L’appuntamento in carcere sarà un’occasione per assistere in intimità al lavoro che la Compagnia ha sviluppato in questo inverno, un preludio a quello che verrà poi presentato l’8 e il 9 agosto al Padiglione Nervi dell’ex Salina di Stato.
In tempi di anomalie, vogliamo anche noi ribaltare quelle che sono le consuetudini e invitare le istituzioni, gli operatori, gli amici e tutti coloro i quali ci sostengono in ogni modo ad accompagnarci anche in questo capovolgimento: quest’anno la Compagnia della Fortezza andrà in scena con Naturae. La vita mancata – 1° quadro dal 28 luglio al 2 agosto ore 16.00 (ingresso in carcere dalle ore 15.30). Oltre ad un numero limitato di giornalisti, saranno ammesse all’ingresso solo quindici persone al giorno, quindici persone che testimonieranno quale profondo valore simbolico possa avere lo sforzo di aver lavorato tutto l’anno in condizioni proibitive, l’avere rinunciato al progetto di presentare delle aperture anche in primavera e arrivare al tradizionale appuntamento estivo dello spettacolo dovendo rinunciare all’abituale bagno di folla che connota questo momento.
Chiediamo a tutti, in maniera altrettanto simbolica, di sostenere l’eccezionalità del momento e la consapevole scelta fatta dalla Compagnia di voler ancora una volta affermare il proprio esserci, a qualunque costo, e l’imprescindibilità che la cultura deve avere in una società che davvero intende ripartire mettendosi alle spalle le brutture che l’hanno segnata negli ultimi tempi.
Il mondo dello spettacolo pagherà a lungo lo scotto dell’emergenza Covid al pari di tante altre realtà ma, a differenza di tanti altri settori, chi opera in ambito culturale sa già a priori che continuerà a essere bistrattato da chi, a causa di una tara dura da scalfire, intende relegarlo al ruolo di cenerentola rispetto ad altre presunte priorità. Questo ci induce a voler dimostrare come, invece, la cultura debba essere pensata come lo strumento in grado di riattivare coscienze e forze inespresse, dando dimostrazione di coraggio e forza propulsiva al senso civico di una comunità.
Eccoci allora a proporre un modo davvero inconsueto per provare a restare vicini in tempi di distanziamento che può essere fisico, ma non deve essere sociale né di pensiero né di affinità. Vi chiediamo di partecipare a un gioco che gioco non è, tutto sommato, per noi.
L’andare in scena è un imperativo, un obbligo irrinunciabile per l’intera Compagnia della Fortezza. Non sarebbe da noi. Così come sarebbe un torto per tutti voi che ci sostenete. È un modo di operare che trascende da ogni considerazione di altra natura, in cui conta solo affermare il proprio esserci e affermarlo al massimo del proprio splendore, anche quando tutto sembrerebbe dire che non sarebbe possibile farlo.
Questo 2020 ha tutte le carte in tavola per metterci alle corde, ma abbiamo deciso di lavorare come abbiamo sempre fatto e di rincorrere il traguardo irrinunciabile di presentarci a voi nel tradizionale appuntamento di fine luglio.
Abbiamo deciso di rischiare e vi chiediamo, ancora una volta, il vostro sostegno attraverso la consueta modalità di donazioni a sostegno della Compagnia della Fortezza.
Non sarà un sostegno senza nulla in cambio, ed è qui che parte il gioco: attraverso la donazione acquisirete il diritto a partecipare alla soluzione più democratica che si potesse applicare per stabilire chi potrà assistere alle repliche di spettacolo, ovvero l’estrazione di 15 nominativi per ciascuna delle cinque repliche aperte al pubblico in calendario.
Da oggi fino alla mezzanotte di sabato 18 luglio sarà possibile fare richiesta di autorizzazione all’ingresso in carcere per assistere a Naturae. La vita mancata – 1° quadro, indicando anche il giorno di replica al quale si vorrebbe assistere e versando la donazione che darà diritto a partecipare all’estrazione che assegnerà i 15 ingressi.

Il 30% delle donazioni così ricevute verrà devoluto in beneficenza e impiegata per sostenere l’intervento degli scavi archeologici del recentemente scoperto Anfiteatro Romano di Porta Diana, considerato uno dei rinvenimenti più sensazionali degli ultimi decenni.
Un gesto simbolico anche questo, con il quale renderci partecipi dell’incredibile vocazione culturale millenaria di Volterra, da sempre votata al teatro quale sublime forma d’arte per ripensare l’Uomo, nonché per testimoniare l’inossidabile volontà della Compagnia della Fortezza e di chi la sostiene verso l’apertura e il creare ponti, tessere reti e instaurare mutualistici rapporti di collaborazione finalizzati ad un approccio di “sistema” che proietta la città di Volterra verso la candidatura a Capitale della Cultura Italiana per l’anno 2022.

::: LE REGOLE DEL GIOCO :::

  1. compilare il form sottostante inserendo i dati indicati, indicando la data di preferenza per l’ingresso in carcere e versando la propria donazione (a partire da 20 euro) entro la mezzanotte di sabato 18 luglio. Le richieste di autorizzazione potranno essere solo individuali;
  2. il nominativo di ciascun donatore verrà inserito nell’urna corrispondente alla data di preferenza indicata (verranno approntate cinque urne, una per ciascun giorno di replica aperto al pubblico);
  3. domenica 19 luglio, con diretta Facebook sulla pagina della Compagnia della Fortezza, verranno effettuate le estrazioni dalle cinque urne dei 15 nominativi che, per ciascun giorno di replica, potranno assistere allo spettacolo. Verranno estratti anche 10 nominativi di riserva per ciascun giorno di replica che, in caso di defezione, verranno contattati in ordine di estrazione per l’ammissione in carcere;
  4. l’ingresso in carcere resterà subordinato all’effettiva autorizzazione concessa dall’autorità penitenziaria a seguito dei controlli del caso: nel caso di mancata autorizzazione, la donazione effettuata verrà restituita;
  5. gli autorizzati, infine, riceveranno tutte le informazioni in merito a cosa fare il giorno di ingresso

NB: le procedure di ingresso e la permanenza in carcere avverranno nel rispetto delle misure previste dai DPCM e dalle ordinanze più recenti recanti misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, con particolare riferimento a tutte le ulteriori previsioni in materia di spettacolo dal vivo nonché specifiche indicazioni provenienti dall’autorità sanitaria territorialmente competente.


::: COSA FARE PRIMA DI ENTRARE IN CARCERE :::
Tutte le persone estratte per le quali sarà confermata l’autorizzazione riceveranno via mail, a partire dal 22 luglio, le indicazioni su cosa fare il giorno di ingresso prima di entrare in carcere.


::: AREA PRESS :::
Gli operatori stampa sono pregati di rivolgersi all’ufficio stampa PEPITApuntoCOM (Rossella Gibellini mob. 347.2105801 – Anna Maria Manera mob. 333.2366667 – mail info@pepitapromoters.com)


Inserisci qui di seguito i dati per richiedere l’ingresso in carcere

ATTENZIONE, verranno accettate solo le richieste di coloro che avranno compiuto i 18 anni entro il 26 luglio 2020

ORA SCEGLI IL GIORNO DI PREFERENZA E DAI IL TUO ASSENSO AD ALCUNE INFORMAZIONI

Autorizzo l'Associazione Carte Blanche e l'Amministrazione Penitenziaria e, nello specifico, la direzione della Casa di Reclusione di Volterra, all'utilizzo dei propri dati personali, come previsto dalla normativa in materia di protezione dei dati personali ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. 30.6.2003 n. 196 (in seguito, “Codice Privacy”) e dell’art. 13 Regolamento UE n. 2016/679 (in seguito, “GDPR”). Dichiaro, altresì, di aver preso visione delle informazioni all’interessato sul trattamento dei dati personali rilasciate dall'Associazione Carte Blanche, in quanto titolare del trattamento. Leggi l'informativa completa
Dichiaro di non aver riportato condanne penali, di non avere carichi pendenti e di non essere soggetto ad altro provvedimento di qualsivoglia natura iscritto nel casellario giudiziale né di esserne a conoscenza
dichiaro di esonerare l'Amministrazione Penitenziaria e l'ente organizzatore dell'evento da ogni qualsiasi responsabilità per infortuni e di assumermi piena ed esclusiva responsabilità per danni eventualmenti cagionati a terzi e/o beni di proprietà di terzi nel corso della manifestazione
Autorizzo l'Associazione Carte Blanche ad utilizzare il mio nome e cognome quale parametro univoco per l'estrazione. Accetto dunque che il mio nome e cognome siano letti durante l'estrazione dei nominativi di coloro che potranno assistere allo spettacolo in carcere

 

  • Carte Blanche
    Sede legale via don Minzoni, 49 56048 Volterra (PI)
    P.IVA 01021710502 -
  • Guardaci su Youtube







    TWITTA CON NOI Tweet su "#compagniadellafortezza"
  • Seguici su Facebook



Menu